I misteri della vita quotidiana

Gen
2014
15

mistero, sito web, Wordpress

2 commenti

Ogni tanto vi capitano delle cose strane?

La scorsa settimana nel mio sito web si sono verificati dei piccoli problemi inspiegabili. Penso che chiunque lavori in un ufficio, o abbia un sito, blog, o usi i computer, prima o poi si trovi di a gestire qualche grattacapo.  Fa parte della vita.

Tra lunedì e venerdì della scorsa settimana, cioé in soli cinque giorni, sono capitate queste tre cose al mio sito:

1)      I campi per iscriversi alla mia newsletter sono spariti.
All’inizio ho pensato che fosse colpa mia, visto che avevo in precedenza cambiato alcune parole nella descrizione. Non ci potevo credere, tutte quelle persone che facevano la fila per iscriversi alla mia newsletter, come avrebbero fatto ora? Così ho mandato un email all’esperto che mi aiuta con queste cose tecniche. Tre ore dopo, mi ha scritto un email di risposta chiedendomi se avessi risolto il problema da sola. Sono andata a controllare il mio sito e ho visto che i campi per registrarsi alla newsletter erano ricomparsi. Non avevo toccato niente. Praticamente si era guastato e aggiustato da solo.

2)      La copertina del mio nuovo libro, Il Rifugio dei Cuori Infranti 1, è sparita dal mio sito.
Considerato che questo è il mio ultimo libro, la cosa mi ha dato un po’ noia; e poi com’è che c’era il 2 gennaio e ha deciso di svanire due giorni dopo?
Ebbene, ho poi scoperto, dopo attente indagini (e qui mi sono messa nei panni di Marlowe, giusto per essere solidale coi miei personaggi), che questa copertina è solo visibile con Google Chrome e le versioni più recenti di Internet Explorer. Non sembra che le altre copertine abbiano problemi ad essere visibili in qualsiasi browser, ma solo questa. Provate a spiegarmi il perché!

3)      Giusto per restare in tema di copertine, ho anche scoperto che per quanto riguarda il mio primo libro, Un Patto con una Sconosciuta, nella pagina in italiano si vedeva la copertina inglese di questo libro. Io sono sicura che non ho mai caricato la copertina inglese nella pagina in italiano, la roba italiana va nelle pagine in italiano, la roba inglese va nelle pagine inglesi, altrimenti perché ci ho messo le bandierine là sopra?

Mi sono chiesta come mai sono capitate queste cose. Come sapete ho una figlia di quattro anni, Sofia. A lei piacciono i computer, i gadget e tutte quelle cose che hanno pulsanti. Possiede due portatili giocattolo (grazie ai suoi generosi zii) e anche un tablet (grazie ai nonni). Il suo ultimo tablet è un sogno: super colorato, ha le principesse e le fatine, ci puoi fare i video e le foto, ci puoi disegnare e fare i videogiochi. Sono gelosa perché io non possiedo gadget di questo tipo.  Il mio portatile, al confronto, è noioso; è nero coi bordi rossi, quello è il massimo del colore. Il video più entusiasmante che ho guardato è di un tipo in abito scuro che parla di marketing. Nonostante tutto, Sofia è attratta dal mio laptop. Quando sono distratta, ci si fionda. In genere blocco lo schermo, ma lei batte sui tasti combinazioni infinite finché non riesce a inchiodarlo. Se, malauguratamente, dimentico di bloccarlo (come capita quando butti gli spaghetti), lei riesce in quell’istante a spostarti tutte le icone sullo schermo e ad attivare comandi di cui non conoscevi neanche l’esistenza.

Quindi mi chiedevo: potrebbe essere stata lei a creare quei casini al mio sito la scorsa settimana? Mmhhh… per prima cosa, Sofia non ha il login e password. Secondo, conosce le lettere dell’alfabeto ma non sa scrivere o leggere; riuscire a gestire i comandi di un sito WordPress potrebbe essere un po’ al di fuori delle sue capacità. OK allora. Chi è il responsabile?  Visto che di sparizioni si tratta (campi per il newsletter sign up, copertine invisibili) e qui in casa svaniscono anche altre cose – tipo i calzini dalla lavatrice, i cucchiaiani dal cassetto, non potrebbe trattarsi di un’ unica, come potremmo chiamarla, entità, responsabile?

Ma capitano anche a voi queste cose strane, ogni tanto?

 

photo credits: www.getting-in.com

Tags: ,

2 commenti

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.